La potenza di “Cape Fear” firmato da Martin Scorsese

In questi giorni si parla molto in Italia del grande Martin Scorsese, che è reduce dalla presentazione alla Festa del Cinema di Roma di "The Irishman", lungometraggio destinato ad avere un grande successo nei mesi che verranno nel Bel Paese così come altrove. Di fronte a un monumento simile credo ci sia ben poco da dire. Se non altro per lui parlano i suoi film, tasselli di una carriera incredibile tanto prolifica quanto priva di scivoloni. Ho visto quasi tutte ...

“The Elephant Man”, film da brividi targato David Lynch

Sono sempre stato convinto del fatto che David Lynch si sia guadagnato l'affetto, la stima del grande pubblico attraverso film sperimentali quali "Eraserhead" e "Lost Highway". Non c'è dubbio che determinate pellicole abbiano contribuito a scrivere pagine importati di un certo cinema occidentale, garantendo notorietà all'autore. Credo però che Lynch abbia dimostrato di essere meno criptico e ugualmente efficace portando sul grande schermo storie più "semplici" in termini di sceneggiatura. Nessuno mi toglierà dalla testa che "Blue Velvet", "The Straight ...

“Revolutionary Road”

Tra i tanti film drammatici più belli che abbia mai visto c'è sicuramente "Revolutionary Road" di Sam Mendes, pellicola del 2008 con protagonisti Leonardo Di Caprio e Kate Winslet. L'America felice e prosperosa degli anni Cinquanta, una famiglia apparentemente tranquilla ma ben presto destinata a scivolare in una crisi tanto profonda quanto irrecuperabile, letale. Mendes ci mette poesia, rigore e concretezza in termini registici, puntando su una fotografia meravigliosa e su dialoghi d'impatto. Il resto lo fanno Di Caprio e ...

“Affliction” di Paul Schrader

Sono molto attratto da quei drammatici prodotti negli States e spesso ambientati in piccole e inquietanti cittadine del Nord America. "Affliction" rientra più o meno in quel filone. È un film che mi ha colpito sotto vari aspetti. Intanto ne ho apprezzato la regia firmata da Paul Schrader, un personaggio importante nel cinema americano e anche nella mia carriera universitaria, visto che nella mia tesi di specialistica fu una figura piuttosto ricorrente. Di "Affliction" ho apprezzato pure la fotografia, la ...