Kurt Vonnegut e la fantasia travolgente di “Galápagos”

Ho sentito nominare Kurt Vonnegut per la prima volta nel 2008. Venne citato da Franco Muzzioli, docente di Critica Letteraria e Letterature Comparate presso La Sapienza (seguivo un suo corso molto interessante e complesso di cui, tuttavia, mi sfugge il titolo esatto). Durante una delle numerose lezioni dedicate all'ampio filone della narrativa in bilico tra fantascienza e distopia, il Professore si soffermò sull'ampia produzione di Vonnegut, sottolineandone la bravura, la concretezza, la lungimiranza, l'autorevolezza. Ricordo che tra i volumi di ...

La mia grande ammirazione per Woody Harrelson

Ne ho visti parecchi di film interpretati da Woody Harrelson. Sicuramente più di venti. Non so se sia stato sempre per merito suo, in ogni caso ho sempre apprezzato. Certo, è indubbio che nel corso della sua carriera il grande attore texano abbia recitato anche in pellicole poco brillanti. Sono però molti i grandi film con Harrelson. Cito qualche titolo: "Chi non salta bianco è" ("White Men Can't Jump"), "Proposta indecente" ("Indecent Proposal"), "Assassini nati - Natural Born Killers" ("Natural ...

Un’opera mastodontica intitolata “Quintale” e firmata dai Bachi Da Pietra

Se la memoria non m'inganna, ho già scritto in precedenza dei Bachi Da Pietra su questo blog. Il motivo è semplice: amo incredibilmente il duo piemontese formato da Giovanni Succi e Bruno Dorella. Ogni volta che qualcuno mi chiede quale sia, in assoluto, il miglior gruppo rock italiano di tutti i tempi, faccio sempre il loro nome. Del resto fatico a trovare un complesso abile quanto loro a tirare fuori canzoni potentissime caratterizzate da suoni così affascinanti e da testi ...

Un campo di pallone e la libertà

Passo spesso davanti a questo impianto sportivo, tra l'altro chiuso da pochi mesi per cessata attività da parte della società che per decenni lo ha gestito. A molti non dirà niente, d'altronde stiamo parlando di profonda periferia romana. Per me, tuttavia, un posto del genere rappresenta tanto: dal 2003 al 2007 ci avrò trascorso in media quattro giorni a settimana. Qui, in via Giuseppe Guicciardi, ha operato a lungo e con grande generosità l'Asd Primavalle 1951. Parliamo di una realtà ...

“Tre colori – Film bianco”, l’episodio più concreto della trilogia di Krzysztof Kieślowski

Circa dieci anni fa, in pieno periodo universitario, mi ritrovai a parlare del grande cinema di Krzysztof Kieślowski con un'amica nonché compagna di studi. Fino a quel momento conoscevo poco dell'indimenticabile regista: a parte le informazioni sulla sua carriera e sul suo stile ottenute attraverso i vari volumi accademici consultati, avevo visto giusto un paio di lavori legati al progetto "Decalogo". Serena, questo il nome della ragazza, spostò a un certo punto la conversazione sulla cosiddetta "Trilogia dei colori", di ...

“Cold Water” (Damien Rice)

Adoro follemente tutte le tracce di "O", l'indimenticabile disco d'esordio di Damien Rice rilasciato nel 2002 e tanto bello e ben riuscito da consacrarlo immediatamente. Si tratta di un disco prevalentemente acustico, piuttosto asciutto negli arrangiamenti eppure in grado di dispensare emozioni fortissime attraverso una tracklist superlativa dove trovano posto pezzi che, in breve tempo, sono diventati autentici cavalli di battaglia del talentuoso cantautore irlandese (basta citare Delicate, Volcano, The Blower's Daughter, Cannonball e I Remember per far qualche esempio). ...