The Stooges, quella meraviglia di “Fun House”

Da giorni pensavo a quale sarebbe stato l’argomento del mio nuovo post qui sul blog. Volevo parlare di un disco, di una raccolta di canzoni a cui sono particolarmente legato. Mi sono reso conto che ultimamente ho scritto soprattutto di musica italiana. E ci sta, d’altronde è risaputa la mia adorazione per il linguaggio, la scrittura tipicamente italica. Però, al contempo, amo gran parte di quanto prodotto in altri Paesi, vedi l’Inghilterra e gli Stati Uniti.
A proposito di Nord America, e di rock, vado matto per quei gruppi nati sul finire degli anni Sessanta. Gli Stooges di Iggy Pop rientrano in questa categoria, soprattutto per via di quel suono caldo, ruvido e sanguigno da loro sviluppato con assoluto gusto. Se il loro primo ed eponimo cd è qualcosa di sublime, il successivo “Fun House” non ha nulla da invidiare a quanto prodotto in precedenza e successivamente (giù il cappello per l’eccellente “Raw Power”, sia chiaro).
Credo che in “Fun House” gli Stooges siano davvero al top per maturità e ispirazione. I sette brani scelti per comporre il disco sono sensazionali. A livello chitarristico ci sono dei passaggi magari poco “puliti” eppure travolgenti. E se devo individuare una canzone in qualche modo rappresentativa, sono abbastanza certo che la delirante Dirt valga da sola l’intero prezzo dell’album. Un Ron Asheton scatenato. Goduria infinita.

Alessandro

No Comments Yet.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *