“Affliction” di Paul Schrader

Sono molto attratto da quei drammatici prodotti negli States e spesso ambientati in piccole e inquietanti cittadine del Nord America. “Affliction” rientra più o meno in quel filone. È un film che mi ha colpito sotto vari aspetti. Intanto ne ho apprezzato la regia firmata da Paul Schrader, un personaggio importante nel cinema americano e anche nella mia carriera universitaria, visto che nella mia tesi di specialistica fu una figura piuttosto ricorrente. Di “Affliction” ho apprezzato pure la fotografia, la sceneggiatura, le location e i componenti del cast.
Per quanto sia tutt’altro che un capolavoro indiscusso del cinema, ritengo abbia diversi elementi in grado di renderlo brillante e profondo. Il soggetto è indubbiamente efficace. La storia è valida, perciò il film scorre già alla grande. Penso inoltre che Schrader abbia saputo renderlo maggiormente dinamico, pur lasciando nel corso della narrazione fasi lente, ma anche riflessive e toccanti.
Il piccolo paese del New Hampshire innevato, il tormentato e sfortunato protagonista della pellicola, ovvero Wade Whitehouse, interpretato da un buon Nick Nolte, e poi l’inarrestabile piega catastrofica del film stesso, con un finale forte. Davvero un ottimo film, con un buon ritmo e una grande cura nei dettagli. Schrader ha avuto successo con film ben più blasonati, ma in “Affliction” c’è un lavoro non indifferente. Per questo il lungometraggio lascia il segno.

Alessandro

No Comments Yet.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *